Il sindaco d’Italia

96
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in Senato durante comunicazioni in vista del Consiglio europeo, Roma 19 Febbraio 2020. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Al termine della loro missione in Argentina i tecnici del fondo monetario internazionale prendono atto della insostenibilità del debito pubblico di questo paese, per cui occorrerà un contributo significativo degli investitori privati esteri cui si potrebbe chiedere il sacrificio del mancato rimborso di parte del valore dei bond. Il presidente Alberto Fernandez chiede altro tempo per rilanciare la crescita, pagare i debiti e nello stesso tempo avviare a soluzione il grave problema della povertà. In casa nostra, a poco più di un mese dal referendum sul taglio dei parlamentari indetto per il 29 marzo, Matteo Renzi, nella sua veste di leader di Italia viva, propone una nuova riforma costituzionale che preveda la elezione diretta del presidente del consiglio: portiamo a livello nazionale il sistema del sindaco in quanto non si può andare avanti con le scene che abbiamo visto; faccio un appello a tutte le forze politiche, a Zingaretti, Di Maio, Crimi, Conte, Leu, Salvini, Berlusconi, Meloni.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: il governo al senato