Potenze in azione

68

La presidenza semestrale del consiglio europeo passa alla Croazia, l’ultima arrivata nell’unione continentale; la prossima volta, per la seconda metà dell’anno, toccherà alla Germania. Nel segno di un’Europa più forte in un mondo che cambia, il premier conservatore Andrej Plenkovic segue il programma basato su quattro punti: sviluppo, infrastrutture, sicurezza e un forte impatto dell’Europa su scala globale. Il segretario di stato americano Mike Pompeo rinvia le visite programmate in Ucraina, Bielorussia, Kazakhstan, Uzbekistan e Cipro: resterà a Washington per seguire e monitorare gli sviluppi della situazione in Iraq e garantire la sicurezza dei suoi connazionali in Medio oriente. Il parlamento turco si appresta ad autorizzare per un anno l’invio di uomini e mezzi in Libia per affiancare Fayez al-Sarraj nella lotta contro le forze del generale Khalifa Haftar. Ormai è solo questione di date: il vice presidente Fuat Oktay annuncia che l’esercito e il ministero della difesa sono pronti.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Mike Pompeo