ITALIANO UCCIDE STRANIERO

1353
Un italiano ha confessato l’omicidio di un ventenne colombiano fuori di una discoteca di Brescia (nella foto: investigatori sul posto).

Yaisy Andreas Bonilla era un ventitreenne colombiano che aveva passato la notte nella discoteca «Disco volante» di Brescia. Ma il suo destino era segnato: all’alba è stato colpito e ucciso a coltellate da un ventitreenne italiano che ha poi confessato il delitto. «È vero», ha dichiarato al pubblico ministero Teodoro Catananti, «l’ho colpito io perché ho replicato a un suo pugno». Anthony Aiello, questo il nome del confesso omicida, era in preda all’alcol che aveva bevuto in abbondanza. Questo il racconto di Andrea, la ventisettenne fidanzata della vittima: «Stavamo parlando con un amico, lui è venuto, ha detto qualcosa a me e il mio fidanzato ha reagito». Lo ha fatto sferrando un pugno sul volto del suo coetaneo, al quale è stata ridotta la frattura al setto nasale dai sanitari degli Spedali civili di Brescia, dove è stato medicato prima di essere associato al carcere di Canton Mombello.

N°205 martedì 4 aprile 2017