Bataclan un anno dopo

620
Un momento del concerto di Sting per la riapertura del teatro parigino

Oggi il Bataclan rimarrà chiuso per onorare il ricordo non solo dei novanta spettatori caduti sotto i colpi di kalashnikov, ma di tutte le centotrenta vittime dei terroristi islamici che hanno sferrato il loro attacco a Parigi esattamente un anno fa, in quella terribile serata del 13 novembre. Ma ieri sera, per un’ora e mezzo, la riapertura del teatro è avvenuta con un concerto eccezionale e molto sentito. Sul palco Gordon Matthew Thomas Sumner, in arte Sting, si è esibito con i suoi pezzi migliori.

            Questo l’esordio: «Abbiamo due cose da fare stasera: rendere omaggio ai morti e celebrare la vita». Un minuto di silenzio e poi spazio alla musica. Si comincia con Fragile, un brano dell’ottantasette: «Se il sangue scorrerà, quando la spada incontrerà la carne, seccandosi al sole della sera, la pioggia di domani laverà via le macchie; ma qualcosa rimarrà per sempre nelle nostre menti».

            Si prosegue con Message in a bottle (Messaggio in una bottiglia) e via via con altri indimenticabili successi: Every breath you take (Ogni respiro che fai), So lonely (Così solitario). E ancora Roxanne: «Roxanne! Tu non devi avere niente a che fare –  con quella luce rossa, – cammini per le strade per soldi, – non t’importa che sia giusto o sbagliato. – Roxanne! Tu non devi indossare quel vestito stanotte. – Roxanne! Tu non devi vendere il tuo corpo alla notte. – I suoi occhi sul tuo viso, la sua mano sulla tua mano, – le sue labbra accarezzano la tua pelle, –  è più di quanto possa sopportare! –  Perché il mio cuore piange? – Sensazioni che non posso combattere! – Sei libera di lasciarmi ma – ma allora non ingannarmi! – E per favore credimi quando ti dico che ti amo. – Roxanne! Tu non devi avere niente a che fare – con quella luce rossa! – Tu non devi indossare quel vestito stanotte! – Tu non devi avere niente a che fare – con quella luce rossa! – Tu non devi indossare quel vestito stanotte! – Roxanne! Roxanne! Roxanne! Roxanne! Perché il mio cuore piange? – Sensazioni che non posso combattere! – Roxanne! Roxanne!»

            Si applaude e si piange. E di nuovo si torna a cantare: le emozioni della vita che nulla può arrestare. Il concerto volge al finale: il cantautore britannico solo alla chitarra intona The empty chair (La sedia vuota), dedicata al fotografo James Foley ucciso in Siria e a tutti coloro che hanno perso una persona cara. «Ma c’è un raggio di luce in cui io conto i miei giorni. – Quindi non disperate della sedia vuota – e in qualche modo io ci sarò».

            Un’altra volta, in quella stessa Parigi oltraggiata con il criminale spargimento di sangue innocente, c’erano di tutti, dal palco alla platea, e nelle tante ideali sedie vuote, a scandire con immutata commozione e speranza: «Grazie Bataclan».

 

N°66  domenica 13 novembre 2016