La sforbiciata

708

OGGI QUATTRO ANNI FA

La camera dei rappresentanti decide la messa in stato di accusa del presidente Usa Donald Trump, il quale se la prende con la sinistra radicale e i fannulloni democratici: non ho fatto niente, questo è un attacco all’America e al partito repubblicano. Sarà questo con tutta probabilità a salvarlo, disponendo della maggioranza al senato cui spetta l’ultima parola. La speaker della camera, la democratica Nancy Pelosi, era stata inflessibile: Trump ha abusato dei poteri del suo ufficio per ottenere un beneficio politico personale a spese della sicurezza nazionale. Un altro presidente, il boliviano Evo Morales, rifugiatosi dopo le dimissioni in Messico e poi in Argentina, viene colpito da un mandato d’arresto per sedizione e terrorismo. In casa nostra dominano i temi economici, ma torna anche il dibattito sulle riforme costituzionali: il taglio dei parlamentari sarà sottoposto al referendum richiesto da un quinto dei senatori; fino alla pronuncia popolare permane in vigore l’attuale sistema.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Evo Morales