L’Alsazia incorona le tenniste ceche

646

Due ore e otto minuti di battaglia sul campo portano al trionfo le tenniste ceche, che vincono per la terza volta consecutiva la Fed Cup e portano a dieci i titoli finora conquistati.La finale è stata disputata sul veloce indoor del Rhenus Sport di Strasburgo: Karolina Pliskova e Barbara Strycova si sono imposte con due secchi sette a cinque sulla coppia francese numero uino del mondo Caroline Garcia e Kristina Mladenovic. La repubblica ceca è la nazione più vincente in Fed Cup, seconda soltanto agli Stati Uniti che hanno vinto diciassette coppe.

            Nelle precedenti due edizioni, la nazionale ceca si era imposta l’anno scorso sulla Russia e prima sulla Germania. In tutte e due le occasioni le tenniste hanno dimostrato una indiscutibile bravura, ma sono state favorite dalle incertezze e dagli errori delle squadre avversarie. La Russia che nel 2015 schierava Maria Sharapova sprecò il risultato facendo praticamente tutto da sola; la Germania fu costretta a scontare le scelte infelici nei confronti singolari.

            Nello sport come in politica, sembra proprio che negli ultimi tempi gli esperti non siano destinati a cogliere nel segno. Nell’ipotesi di un incontro decisivo nel doppio, alcuni pronostici erano a favore delle francesi di Amelie Mauresmo in virtù delle maggiori referenze della coppia Garcia-Mladenovich. Entrambe ventitreenni, hanno vinto insieme quattro titoli in questa stagione: Charleston e Stoccarda a livello premier, poi il Mandatory di Madrid e infine il Roland Garros di Parigi. Sono inoltre arrivate in finale a Sidney, Dubai, Pechino e Stati Uniti. Le ceche di Petr Pala, che ora è il capitano di maggior successo con cinque titoli all’attivo, potevano aggiungere i successi ottenuti sotto la bandiera della Cecoslovacchia (tre consecutivi e quattro in sei anni) e si presentavano con forti possibilità di successo. E questo è giunto puntuale, coronando i sogni e premiando l’impegno e la volontà.

 

N°67  lunedì 14 novembre 2016