LE POLVERI DI FETONTE

1658
La macchia rosa nella mappa celeste coglie l’impatto nell’atmosfera di una meteora delle Geminidi (foto Cmor).

Saranno al culmine oggi le stelle cadenti di dicembre. Si tratta delle Geminidi, generate dalle polveri della cometa 3200 Fetonte e catturate dagli scatti del satellite canadese Cmor, letteralmente Canada’s Meteor Orbit Radar, ma nel gergo comune ormai chiamato il cacciatore delle meteore. Prima di disintegrarsi si scontrano con l’atmosfera alla velocità di trentacinque chilometri al secondo. Osserva Paolo Volpini, appassionato cultore della materia nell’ambito della unione astrofili italiani (Uai), che si tratta di uno sciame molto attivo: teoricamente se ne possono contare fino a cento ogni ora; l’impatto avviene naturalmente anche nelle ore diurne, ma per ammirare questi sprazzi nel cielo le ore migliori vengono dopo la mezzanotte. Gli esperti avvertono che si potrà contare solo su una dozzina di avvistamenti, perché la superluna fa da guastafeste e riduce fino a dieci volte la visibilità delle meteore.

N°96  martedì 13 dicembre 2016