Palermo incorona la pasionaria capitolina

364
Virginia Raggi sul palco del Foro italico di Palermo davanti al popolo grillino

Dal palco del foro italico del capoluogo siciliano scompaiono d’incanto le remore politiche e le discussioni legate alla scelta degli assessori al comune di Roma. Lei, sindaco cittadino e metropolitano, si presenta con la rivendicazione orgogliosa del muovo che avanza nell’amministazione, anzi nell’intero panorama nazionale. Ce n’è per tutti cominciando da Matteo Renzi: «Ci attaccano per ogni cosa, anche per le mie orecchie, che sono grandi. Che ci posso fare? E la cosa vergognosa è che è proprio il premier ad attaccarci, lui che non ha rottamato nessuno, che siede al tavolo di Berlusconi e di Verdini, Malagò, Montezemolo, i suoi amici». Poi il no alle olimpiadi e infine Roma: «È una città devastata, non c’è nulla che funzioni, abbiamo tutto da ricostruire, ed è quello che stiamo facendo. Ieri è crollata una palazzina e abbiamo avuto difficoltà a trovare alloggio alle 23 persone rimaste senza casa. Perché fino ad oggi tutto funzionava con il sistema Buzzi-Carminati e noi adesso dobbiamo lavorare sull’ordinario. Dobbiamo portare una rivoluzione normale».

N° 18 lunedì 26 settembre 2016