Sulle orme del vate

116

Nella seduta del 23 marzo 1900 il deputato Gabriele D’Annunzio compie il gesto clamoroso di spostarsi dalla destra alla sinistra, impegnata nell’ostruzionismo contro le leggi reazionarie di Luigi Pelloux: di là i morti, vado verso la vita. A Westminster il conservatore Philip Lee passa ai liberaldemocratici e Johnson perde la maggioranza assoluta. La caduta dell’esecutivo non è automatica, così come per la costituzione italiana il voto contrario su una proposta del governo non importa l’obbligo di dimissioni; ma il fatto oggettivo di non poter contare sul consenso della metà più uno dei componenti di un ramo del parlamento è motivo sufficiente per indurre al ritiro. La questione della Brexit viene ribaltata e si apre uno scenario favorevole a un accordo con l’Unione europea. Tutt’altra situazione in casa nostra, dove la conferma dell’intesa giallorossa sfiora l’80 per cento nelle preferenze su Rousseau e spiana la strada a Conte per il cui giuramento è questione di giorni se non di ore.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Gabriele D’Annunzio