BIBART A BARI

1583
La città vecchia del capoluogo pugliese si animerà di eventi artistici in una visione che va oltre il contesto regionale e si proietta su più vasti orizzonti.

La prima biennale internazionale d’arte di Bari e area metropolitana (Bibart) inizia oggi e si concluderà il 15 gennaio. Centomila artisti provenienti da tutto il mondo esporranno in dieci postazioni nel centro storico della città. In particolare, saranno presentate 328 opere, tra pittura, scultura, grafica e video art, realizzate da 156 artisti di nove paesi: Italia, Argentina, Armenia, Brasile, Croazia, Francia, Grecia, Iraq e Uruguay. All’interno del museo diocesano è allestita la mostra «Dal postimpressionismo al neorealismo: viaggio tra le avanguardie del novecento».Vi figurano opere della collezione privata di William Tode, ultimo esponente del neorealismo italiano. Si va da Cezanne a Renoir, Picasso, Balla, Mirò, Rosai, Boccioni, Archypenko. Anche in questa occasione Bari si conferma come un polo di attrazione con iniziative di notevole pregio che scrutano orizzonti di rilievo internazionale.

N°98  giovedì 15 dicembre 2016