Fuori l’ambasciatore

66
In this photo taken on Friday, Jan. 19, 2018, Margarita Simonyan, the head of the Russian television channel RT, smiles during an interview with the Associated Press in Moscow, Russia. Simonyan, the head of Russian television channel RT, which U.S. intelligence agencies allege took part in the campaign to influence last year’s presidential election, says that having to register as a foreign agent in the United States is already hurting the Kremlin-funded outlet. (AP Photo/Alexander Zemlianichenko)

Relazioni interrotte, con tanto di espulsione del personale a cominciare dall’ambasciatore, tra Bolivia e Venezuela per non meglio precisate violazioni delle norme diplomatiche. La decisione è stata presa dalla ministra degli esteri ad interim Karen Longaric ed è probabile che sia stata determinata da eccesso di solidarietà verso il dimissionario Evo Morales, che si ritiene deposto a seguito di un colpo di stato e che avrebbe potuto beneficiare dell’asilo politico offerto da Maduro. Non risulta che analoghe iniziative siano state intraprese nei confronti del Messico dove si trova Morales e men che mai della Russia di Putin dove Margarita Simonyan gli aveva offerto il posto di presentatore televisivo in lingua spagnola. Da un continente all’altro: la guida suprema iraniana Ali Khamenei vuole la distruzione di Israele per colpire criminali come Benjamin Netanyahu: i palestinesi, musulmani, cristiani ed ebrei, che sono i veri proprietari di quei territori, devono poter decidere il loro destino.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Margarita Simonyan