Notizie dal fronte

58

Allarme lanciato dall’Onu per la crisi nell’area nordorientale della Siria, dove gli attacchi condotti da Ankara contro le postazioni curde non solo hanno acuito un conflitto militare, ma hanno prodotto l’effetto di consentire la fuga di affiliati all’Isis che secondo le prime stime sarebbero già ottocento. Decise le reazioni verso la Turchia, che pure fa parte del consiglio d’Europa concepito per la difesa della democrazia, dei diritti umani e dello stato di diritto nel continente; la presidenza di turno del comitato dei ministri spetta attualmente alla Francia, rappresentata in questa sede dal segretario di stato Amélie de Montchalin. Su altri fronti, finalmente pacifici, si registrano in Tunisia la vittoria nelle presidenziali del conservatore Kaies Saied sul magnate Nabil Karoui, in Polonia l’affermazione nelle politiche della destra di Jaroslaw Kaczinski e in Ungheria la sconfitta del premier nazionalista Viktor Orban, che perde il controllo di alcune grandi città a partire dalla capitale.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Amélie de Montchalin