Si rivede Kim Jong-un

160

Il plurititolato leader supremo della repubblica popolare democratica di Corea, che risulta il terzo capo di stato più giovane al mondo, riunisce nella sua persona le funzioni essenziali di comando: già guida suprema come il padre e come il suo omologo iraniano Ali Khamenei, Kim Jong-un è anche presidente del partito del lavoro, della commissione per gli affari di stato, della commissione militare centrale e comandante supremo dell’armata del popolo. Per l’esercizio del potere ricorre sempre più spesso alle deleghe, di cui sta facendo incetta la sorella minore Kim Yo-jong, che ora controlla il dipartimento organizzazione e orientamento del comitato centrale all’interno del partito dei lavoratori. Sarebbe lei, stando alle indiscrezioni del ministro della difesa sudcoreano Jeong Kyeong-doo, a decidere le linee strategiche rivolte a Seul e a Washington. Tuttavia le notizie sullo stato comatoso del numero uno di Pyongyang sono smentite dalla sua presenza nell’ultima riunione del politburo.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: Kim Jong-un