THYSSEN COLPEVOLE

1740
La corte di cassazione ha depositato le motivazioni della sentenza contro Harald Espenhahn (nella foto) ed altri della Thyssen per il rogo di Torino.

La corte suprema di cassazione ha depositato le motivazioni della sentenza del 13 maggio che aveva confermato la condanna dei responsabili del rogo nello stabilimento della Thyssen di Torino nella notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007. All’ad della società Harald Espenhahn e ad altri cinque manager del gruppo siderurgico è stata addebitata una colpa imponente per la totale e consapevole mancanza di adeguate misure di sicurezza. In particolare, Espenhahn è stato condannato a nove anni e otto mesi di reclusione. Si pone adesso il problema della esecuzione per mandare in carcere il condannato che si trova in Germania. La sentenza dovrà essere tradotta in tedesco e trasmessa al ministero della giustizia, che a sua volta la inoltrerà in Germania, dove occorrerà fissare una udienza per discutere su applicabilità e modalità di esecuzione della sentenza italiana. Per il momento Harald Espenhahn è libero.

N°97  mercoledì 14 dicembre 2016