Un nuovo clima

67

Alla fine è arrivato il visto di ingresso per il presidente e il ministro degli esteri iraniani, Hassan Rouhani e Javad Zarif, che parteciperanno all’assemblea generale dell’Onu, a margine della quale si prevede un incontro con il primo ministro giapponese Shinzo Abe, che a giugno si era visto a Teheran con la guida suprema Ali Khamenei per preparare una mediazione con gli Stati Uniti. Invece sono stati espulsi due diplomatici cubani accusati di tentare operazioni di destabilizzazione; tutti i membri della missione permanente al palazzo di vetro potranno d’ora in poi muoversi soltanto nell’isola di Manhattan. A New York un milione di studenti si unirà a Greta Thunberg nella manifestazione per il clima; lo sciopero globale sul tema, che ha già visto strade gremite in estremo oriente e centomila persone a Westminster con il laburista Jeremy Corbin, coinvolgerà centocinquanta paesi in tutto il mondo, mentre si parla di nuovi insediamenti abitativi in Amazzonia, il polmone verde del pianeta.

Lillo S. Bruccoleri

Nella foto: il primo ministro giapponese Shinzo Abe con il presidente iraniano Hassan Rouhani